👍 Qui sono raccolte notizie interessanti, segreti e consigli sui prodotti di google. tutto per google drive, android, calendar, chrome, gmail, documenti...

Ciò che Google vuole davvero ottenere con la sua divisione hardware

0

Per chiunque segua Google anche da remoto, è evidente che l’attenzione dell’azienda è stata in gran parte sulle tecnologie Internet. Per molto tempo dalla sua nascita, Google è stato incentrato su Internet. Poi è arrivata la rivoluzione Android che ha visto Google entrare nei mercati del software tramite smartphone. Tuttavia, la cosa più bizzarra è stata il loro ingresso nei mercati dell’hardware. Mentre sembrava chiaro che c’erano già un certo numero di giocatori che erano miglia avanti, l’arrivo della divisione hardware di Google è stato piuttosto sorprendente.

Ciò che Google vuole davvero ottenere con la sua divisione hardware

Cronologia di Google nell’hardware:

La divisione hardware di Google esiste da un po’ di tempo. Tra i primi passi che l’azienda ha compiuto in questa direzione ci sono stati più di sette anni fa, quando è uscito per la prima volta il Nexus One. Questo è stato il primo dispositivo Nexus che Google ha creato insieme a HTC. Da allora il marchio ha continuato a diventare sempre più evidente fino a quando non sono arrivati ​​​​i dispositivi Pixel che erano letteralmente a marchio Google.

Google ha anche creato molti altri dispositivi hardware come Nexus Player, altoparlanti intelligenti Google Home, visori Daydream VR, Chromebook, Chromecast, Chromebox, router Wi-Fi e dispositivi intelligenti Nest. Sebbene non siano "nuovi" nel settore dell’hardware, hanno appena iniziato a presentarsi come una forza importante lì. Il Pixel 2 recentemente rilasciato e anche Google Home Mini e Max sono un passo avanti nella divisione hardware.

Ciò che Google vuole davvero ottenere con la sua divisione hardware

Perché Google è così appassionato di hardware:

Se ascolti attentamente gli eventi stampa e i lanci di Google, sentirai Google dire che la prossima grande innovazione avverrà all’intergiunzione di hardware, software e intelligenza artificiale. Google ha la parte software risolta da un po’ di tempo ormai. Anche la divisione hardware è in forte espansione. Ma il vero focus a cui punta Google è il terzo, l’Intelligenza Artificiale.

Per massimizzare il potenziale della loro IA, Google ha bisogno di una forte divisione hardware. Con l’Assistente Google, la divisione hardware di Google è pronta per il boom. Guarda tutti i recenti lanci di Google: tutti i telefoni con Android Marshmallow e versioni successive ora supportano l’Assistente Google. Google ha i tuoi campioni vocali, la tua posizione, conosce i tuoi familiari, sa dove viaggi, dove lavori, con chi lavori e molto altro.

Ciò che Google vuole davvero ottenere con la sua divisione hardware

Sunder Pichai ha parlato dell’attenzione di Google verso l’IA. L’espansione della divisione hardware è un grande passo avanti in quella direzione.

Da Mobile-First a AI-First

L’intelligenza artificiale è il passaggio finale di connessione. Con tutte queste informazioni collegate insieme, la tecnologia non sarà limitata ai telefoni nei giorni a seguire. Sarà tutto intorno a te. No, non intendiamo un futuro distopico con robot intorno a te. Almeno non per ora. Ma qualcosa che è più rilevante: il tuo telefono sarà presto in grado di interagire con altri dispositivi hardware per offrirti un’esperienza più personalizzata. Tutto questo inizia passo dopo passo.

Il push del software è stato il primo passo, il push dell’hardware è il secondo, l’IA sarà il terzo passo nella stessa direzione. Sta diventando sempre più interessante osservare dove si sta dirigendo Google con questo. Tuttavia è giusto dire che la spinta hardware ha lo scopo di portare l’IA al maggior numero possibile di utenti.

Fonte di registrazione: www.gtricks.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More